L’ortica, nota per l’utilizzo degli estratti delle foglie a scopo diuretico e antinfiammatorio, è una pianta erbacea perenne.

Originaria dell’Asia occidentale e dell’Africa, oggi è presente in tutte le regioni temperate del mondo, ed è probabile che sia presente anche nel tuo giardino.

Nonostante sia facile da strappar via dalle tue piante, bisogna fare particolare attenzione.

Scopri insieme alla nostra nuova guida come estirparla correttamente e come ri-utilizzarla a tuo vantaggio.

Ortica: come estirparla

Ti sarà sicuramente capitato che l’ortica abbia invaso il tuo giardino e, indubbiamente, ti sarai domandato come cacciarla via senza incorrere in fastidiose conseguenze.

Per questa ragione vogliamo spiegarti come liberarti dell’ortica, dandogli una seconda e, indubbiamente, più utile funzione per le tue piante.

Come abbiamo detto, sebbene sia semplice strapparla via, a contatto con la pelle, l’ortica, può essere molto irritante e potrebbe, inoltre, rovinare totalmente le piante che infesta.

Come rimuoverla, dunque, in modo naturale, senza pesticidi o altre sostanze chimiche, e senza doversi proteggere le mani con i guanti.

Un modo, indubbiamente pratico, risiede nella possibilità di armarsi di una vanga affilata che ne rimuova le radici, sino in profondità, evitando un fastidioso ritorno dopo poche settimane.

Se, invece, non si vuole, o non si può, utilizzare una vanga, è possibile cambiare l’equilibrio del terriccio, aggiungendo della calce da giardino. Questo renderà il terreno alcalino che allontanerà l’ortica, che normalmente ne preferisce uno più acido.

Come ri-utilizzare l’ortica appena estirpata

Una volta eliminata dai vasi delle nostre piante, cosa farne? Gettarla sarebbe un gran peccato e sappiamo che la pensi come noi!

Per questa ragione ti spieghiamo come ri-utilizzarla al meglio.

Puoi, infatti, ad esempio utilizzarla come fertilizzante. Essendo una pianta ricca di azoto, magnesio e ferro sarebbe perfetta per il tuo scopo.

Qualora, invece, volessi prenderne solo le foglie, queste possono essere messe in un grande recipiente, ricolmo d’acqua, così da coprirle interamente. Una volta coperto e lasciato a riposo per tre settimane, questo composto si filtra e si mescola con acqua frizzante.

Una volta sistemato il composto in una bottiglia spray, è un ottimo fertilizzante per le nostre piante.

O ancora, viste le proprietà benefiche dell’ortica, si possono fare diversi infusi e tisane, anche se in questo caso chiedete alla vostra erboristeria di fiducia. Ricorda che è sempre bene chiedere consiglio ad un medico.