Amore per la vita – Aiutiamo gli uccellini in questi mesi freddi

Amore per la vita

AIUTIAMO GLI UCCELLINI IN QUESTI MESI FREDDI

In questi giorni di freddo intenso alcune specie di uccelli, come il merlo, la capinera, il fringuello e tantissimi altri scelgono riparo nei centri abitati, mentre altri come rondini e usignoli partono verso il caldo dell’Africa. I volatili in inverno hanno bisogno di cibo e di un posto sicuro e possibilmente riparato.
Purtroppo a causa del freddo e del gelo anche il cibo scarseggia e aumenta per gli uccelli il bisogno di mangiare per mantenere la temperatura corporea. Ed è per questo che ci viene spontaneo cercare in qualche maniera di offrire ai piccoli volatili un po’ di cibo in mangiatoie lontane dai gatti e un riparo accogliente.

Ecco allora qualche consiglio per aiutare gli uccellini a superare il gelo di questi mesi.

Anche se ogni specie ha esigenze particolari,  possiamo preparare un mix di arachidi, semi di girasole e noci tritate,  un cibo sicuramente gradito dalla maggior parte, e se non avete tempo di prepararlo lo potete trovare già pronto nei negozi.

Bisogna evitare come per ogni animale il cibo piccante o salato, in quanto potrebbe risultare tossico per loro. È meglio evitare anche di dar loro pane, uova e altri cibi simili, poiché non forniscono le proteine adatte.

Se decidiamo di offrire un riparo ai volatili che ci vengono a trovare infreddoliti alla nostra finestra, possiamo acquistare casette di legno per gli uccelli che si trovano facilmente in commercio a prezzi economici, che posizioneremo in un posto tranquillo e in alto, altrimenti possiamo realizzare con materiali di riciclo, ad esempio il fondo di una bottiglia di plastica tagliata, un’ ottima mangiatoia che possiamo posizionare nei balconi o terrazzi.

Possiamo mettere anche il cibo direttamente sui davanzali o se abbiamo un giardino possiamo appendere una retina con dentro il cibo sugli alberi.

Ricordiamoci di non esagerare con le quantità, meglio una porzione più abbondante al mattino quando gli uccelli sono più affamati o la sera e piccole porzioni durante la giornata.

Se iniziamo a nutrire gli uccelli durante la stagione invernale è opportuno farlo fino all’inizio della primavera, in quanto offrendogli il cibo diventiamo un punto di riferimento per loro e interrompere può portare sicuramente danni alla loro vita.

Nutrire e proteggere gli uccelli può diventare istruttivo per noi e soprattutto i nostri figli, che impareranno a conoscerli e a osservarli dalla finestra e non in una gabbia, e soprattutto a prendersi cura della natura e dei suoi piccoli abitanti.

Sarà una vera gioia svegliarsi la mattina con il canto degli uccelli che vengono a salutarci e a mangiare.

Cose da fare nel mese di novembre in giardino!

NOVEMBRE: COSE DA FARE IN GIARDINO

Durante queste settimane devi prepare al meglio il tuo giardino affinché superi i mesi più freddi. I lavori da fare sono molti, quindi approfitta sempre delle giornate migliori per dedicare il tempo dovuto al tuo giardino.

Il lavoro generale che devi fare è quello di protezione delle piante con foglie, paglia, rami o teloni. Inoltre, gli strumenti di irrigazione e pompe devono essere riposti in garage per evitare che si ghiaccino col freddo.

Per il resto, concentra i tuoi sforzi su queste 6 categorie:

  • Alberi
  • Rampicanti
  • Piante annuali
  • Piante perenni
  • Rose
  • Piante acquatiche, vasche e laghetti

ALBERI

La prima cosa da fare è controllare lo stato degli alberi. Se vi sono alberi in cattiva salute meglio provvedere subito al loro abbattimento. In questa operazione occorre molta cautela se decidi di procedere personalmente. Nel caso di alberi di grossa taglia, ti consigliamo comunque di richiedere il supporto di una ditta specializzata.

Le foglie finora cadute puoi utilizzarle per proteggere le piante delicate del tuo giardino.

RAMPICANTI

Per le piante rampicanti controlla se sono fissate bene per evitare che cedano sotto il peso della neve. Rafforza i sostegni con ulteriori supporti se necessario.

Inoltre, meglio proteggerle ricoprendolo con dei teli in nylon.

PIANTE ANNUALI

Se ancora non lo hai fatto, elimina queste piante e procedi alla raccolta dei semi per la moltiplicazione.

PIANTE PERENNI

Per le piante perenni, il cui ciclo di vita è più lungo, applicare del concime è altamente consigliato, così come proteggerle con rami, foglie o paglia.

Per quelle in vaso, se si ha a disposizione un luogo dove ripararle, è ancora meglio.

ROSE

Le rose hanno terminato la loro fioritura. Puoi procedere alla messa a dimora dei rosai:

  • come prima cosa puoi tagliare le radici eccessivamente lunghe e quelle vecchie;
  • controllare che sia ben salda nel terreno;
  • colmare gli eventuali spazi con letame e terra;
  • se il clima è eccessivamente secco, annaffiare dopo le operazioni.

VASCHE E LAGHETTI

Qui devi accertarti, di tanto in tanto, che le acque siano sempre pulite dalle foglie che cadono dagli alberi per non alterare la qualità dell’acqua.

Se possiedi gli strumenti, sarebbe buona pratica riscaldare le acque, evitando così che si ghiaccino e portino alla morte dei pesci.

Il freddo è arrivato e nei prossimi mesi si farà sentire ancora di più. Per questo devi assolutamente proteggere il tuo giardino e le tue piante. Ma non è tutto!

Ci sono ulteriori attività a cui dedicare il tuo tempo. Abbiamo cercato in questo articolo di esporti quelle principali e a cui riteniamo occorra dare precedenza!

4 consigli per potare correttamente il tuo olivo

È già tempo di potatura? In tanti si pongono questa domanda pensando che sia già il momento ideale.

Ma non è assolutamente così. Perciò è fondamentale capire quando puoi potare il tuo olivo.  Oggi ti segnaliamo 4 consigli per potare correttamente il tuo olivo.

#1 Non cimare in autunno. 

È meglio non spuntare le piante in autunno e in inverno. Questo perché si indebolisce la pianta e i tessuti vengono esposti a temperature con improvvise gelate compromettendo la sopravvivenza della pianta.

È quindi necessario fare attenzione alle fredde stagioni.

#2 Aspetta la fine dell’inverno e l’inizio della primavera.

Le condizioni ideali per una buona potatura sono le stagioni in cui non si verificano più gelate improvvise e che la temperatura non scenda al di sotto dei 2-3°C.

Fai quindi molta attenzione al clima. Nel Salento, ad esempio, gli olivi si possono potare anche a partire da fine febbraio. Differentemente dal Veneto che bisogna attendere a fine aprile.

Ma ricordati però sempre di non prolungare la potatura. Il buon olivicoltore riconosce quando le sue piante fioriscono.

#3 Aspetta l’estate per potare succhioni e polloni. 

Tra luglio e agosto puoi eliminare i succhioni e i polloni. Che cosa sono?

I rami che trovi al piede dell’olivo sono i polloni. Questi danno alla pianta un aspetto cespuglioso. Invece i rami che trovi perpendicolarmente al suolo direttamente dal dorso delle branche sono i succhioni.

Polloni e succhioni rubano alla pianta il nutrimento e quindi si possono tagliare nei mesi estivi fatta eccezione per i casi in cui si vuole far crescere una nuova branca per sostituirne una secca o una malata.

Fai sempre attenzione però a non tagliare la pianta nei mesi più freddi dove le temperature si abbassano rapidamente.

#4 Non potare con la pioggia e con la nebbia

Questo perché il legno dell’olivo bagnato offre condizioni ideali che attirano numerosi microrganismi patogeni. Quindi è assolutamente sconsigliato potare con umidità. Piuttosto pota con una bella giornata di sole ricordandoti sempre di sanificare le lame di taglio tra una pianta e l’altra.

Ecco questi erano 4 consigli per potare correttamente il tuo olivo.