Giardinaggio: le cose da fare a Luglio

Luglio è un mese chiave per il tuo giardino. Ti consigliamo di dedicargli il giusto tempo se vuoi che il tuo giardino resti in salute. Come? Per prima cosa prenditi pochi minuti per leggere questo articolo e troverai preziosi suggerimenti per il tuo spazio esterno.  

In questo mese si fanno degli ottimi raccolti, si piantano ortaggi tardivi e colture che si raccoglieranno nel periodo di autunno, ma è anche il periodo in cui le tue piante e i tuoi fiori necessitano di un maggior quantitativo d’acqua, altrimenti rischiano la morte a causa del caldo.

Specie come le bocche di leone e i fiori di margherita riempiono i nostri giardini di colori e di emozioni di allegria. E alcune tipologie di piante riescono ad allontanare persino le zanzare, insetti ed altre tipologie di parassiti. Se non bastassero i sistemi naturali puoi rivolgerti a Matozzo Giardini che ti consiglierà l’innovativo sistema automatizzato e domotico per vivere il tuo giardino senza fastidi.

Vediamo più nel dettaglio alcuni consigli pratici!

Tante cose da piantare e raccogliere!

Per chi ha un orto, luglio offre tanta roba buona. In questo mese abbiamo una vasta scelta tra frutta di stagione e diverse tipologie di ortaggi prelibati. La frutta e la verdura di questo periodo rende colorate le nostre tavole con pesche, fragole, meloni, angurie, peperoni e melenzane, insomma roba per tutti i gusti. Il mese di luglio è anche il mese della a semina di ortaggi e bulbi dei fiori autunnali. Si possono infatti piantare il radicchio, i finocchi, i cavoli, i piselli tardivi, ed ancora fagioli, carote e lattuga.

Insomma chi ritiene di avere il pollice verde, deve essere anche disposto a sacrificare buona parte delle proprie ferie, perché in giardino e nell’orto a luglio non ci si può riposare!

Annaffia abbondantemente il tuo giardino!

watering-2389940_1280

A luglio devi innaffiare piante e fiori a volontà ma provvedere anche allo sfogliamento. Se non si dispone di un impianto di irrigazione, l’operazione di innaffiamento deve essere fatta con un tubo in giardino, con appositi annaffiatoi per le piante in vaso, ma vanno bene anche le classiche bottiglie d’acqua o altri recipienti. Innaffia nel tardo pomeriggio quando il sole è già andato via, così facendo eviterai di danneggiare le colture.

Le piante ti ringrazieranno. Soprattutto le piante ed i fiori in giardino, devono essere annaffiate abbondantemente. In alcuni casi è necessario attendere che il terreno assorba tutta l’acqua in eccesso e poi ripetere l’operazione.

Questo consente all’acqua di raggiungere le radici in profondità e di farne una buona scorta per affrontare meglio il calore del giorno successivo.

Le foglie ed i fiori secchi vanno tolti con una certa frequenza per evitare di sovraccaricare la pianta di inutili. Evita situazioni estreme in cui le piante hanno già le foglie secche, potresti arrivare troppo tardi e non riuscire a salvarle. Ovviamente non bisogna esagerare con il dosaggio dell’acqua. Un quantitativo eccessivo e ripetuto potrebbe creare, anche in un mese caldo come luglio, dei ristagni di liquidi che farebbero marcire le foglie ed i fiori ma soprattutto le radici.

Le rose e le siepi vanno potate così da consentire una ricrescita della pianta in maniera graduale, fortificandone al contempo anche i singoli rami.

Elimina parassiti ed insetti!

Le piante hanno numerosi nemici tra qui gli insetti ed i parassiti. Alcuni di questi sono addirittura in grado di decimare i raccolti e far morire alcune piante. La forte calura estiva a luglio e l’elevato tasso di umidità purtroppo favorisce la proliferazione di questi parassiti, per tale motivo bisognerà correre ai ripari.

Se non vuoi utilizzare prodotti chimici, c’è una buona alternativa: una mistura di acqua e aceto, che funziona spesso con le piante aromatiche e da frutta. Il forte odore dell’aceto ha il potere di tenere lontane molte specie anche se non riesce ad ucciderle. Le piante ed i fiori invece puoi trattarli con appositi insetticidi.

Molte specie di piante tengono lontane le zanzare, tra questi i gerani, la citronella, il basilico, l’agerato e la calendula sono un ottimo rimedio per tenere lontane le zanzare ed altri tipi di insetti e parassiti.

Come hai potuto leggere luglio è un mese cruciale per la salute del tuo giardino! Raccolto e semina, annaffiamento delle piante e allontanamento degli insetti sono tra gli aspetti principali da curare. Se ci tieni davvero al tuo spazio verde segui i nostri semplici consigli e ricordati di riguardare il tuo giardino con tutte le attenzioni necessarie, a meno che tu non voglia vedere marcire o seccare ogni singola pianta!

Giardinaggio: le cose da fare in aprile

Grazie alla sua temperatura mite aprile è il mese che ti permette di dedicarti al giardino al meglio delle tue possibilità; il mese in cui potrai assecondare le crescita delle tue piante che sono già ricettive e pronte a ricevere tutte le cure di cui hanno bisogno.

 

I lavori che potrai fare in giardino ad aprile sono tantissimi, in particolar modo, ricordati che proprio in primavera le tue piante necessitano di un’elevata concimazione per favorire la ripresa vegetativa.

Se non lo hai già fatto, inizia a concimare le tue piante in vaso periodicamente ogni 12-15 giorni con dei concimi a lenta cessione pensati per rinforzare l’apparato radicale senza eccessi. Un concime in fiale è adatto.

 

Come regolarsi con le innaffiature

Normalmente questo mese è famoso soprattutto per la sua piovosità, e proprio per questo motivo le piante da esterno si sviluppano molto bene anche senza un’annaffiatura costante, rimpiazzata appunto dall’acqua piovana.

Per questo motivo ti consigliamo di prestare maggior attenzione ai periodi di siccità, che rischiano di essere ben più pericolosi delle piogge primaverili.

le piante in pieno rigoglio vegetativo necessitano di tantissima acqua, e le giornate asciutte e soleggiate causano una maggior evaporazione dell’acqua nel terreno.

 

Quando trasferire le piante all’esterno?

Attenzione: perché anche se le temperature esterne sono aumentate c’è il comunque il rischio di ritrovarsi le ultime gelate notturne e di conseguenza le piantine rovinate.

Ti consigliamo di monitorare ancora le minime e le massime, in modo da prevenire eventuali sorprese meteorologiche.

Se le temperature minime superano già i 10° comincia a portare all’esterno le piante da appartamento o quelle che tenevi riparate per l’inverno. Se il clima è ancora rigido puoi portarti avanti cominciando a preparare la zona del giardino dedicata ad ospitare le piante da appartamento o quelli coltivati in semenzaio.

Allo stesso modo con l’aumento delle temperature puoi togliere le protezioni di tessuto o aprire la serra. Ricordati di farlo soprattutto nelle giornate di sole o nelle ore centrali della giornata, dove l’umidità potrebbe compromettere le radici e aumentare la marcescenza di queste.

 

La semina

Tra i lavori di aprile abbiamo il trapianto oppure la semina di nuove piantine.

Prima di porre a dimora le piante però lavora bene il terreno e arricchiscilo con del concime a lenta cessione.

Ad aprile hai davvero l’imbarazzo della scelta per decidere quali fiori piantare:

  • Bulbose a fioritura primaverile (giacinto, narciso, fritillaria, erythronium, ciclamini, oxalis), che puoi comprare già fiorite o appena prima della fioritura
  • Bulbose a fioritura estiva (anemone, coronaria, agapanto, crocosmia, canna, begonia, calla, ornito, gallo, gloriosa, sparaxis)

 

Spero che l’articolo sia utile, se hai domande non esitare a scrivere sulla pagina Facebook oppure su Whatsapp al numero +4179 240 1714.

Sarò felice di risponderti appena possibile.

Oppure chiamaci

Chiama +41792214289