Quando il verde ti migliora

È risaputo che gli spazi verdi aiutino il benessere mentale delle persone. Vi è mai capitato di vedere un’area verde con un bel prato, respirare aria pulita e sentirvi al settimo cielo? Quando il verde migliora?

Oggi purtroppo con l’aumento dell’inquinamento non è così ma tuttavia troviamo tante aree e grandi giardini verdi che ci aiutano a vivere meglio la città.

Non è un caso che proviate un sentimento positivo una volta che guardate un bel prato verde e respirate aria pulita. Questo accade perché gli spazi verdi hanno degli effetti positivi sulle emozioni.

Uno degli impatti postivi è l’aumento della calma e dell’autodisciplina facendo diminuire così lo stress e le agitazioni.

Un miglioramento cognitivo da tenere in considerazione ogni volta che si progetta e pianifica uno spazio urbano. Infatti, bisognerebbe progettare aree verdi non solo per la loro estetica ma soprattutto per il benessere mentale dei cittadini. Quindi queste aree urbane devono richiamare diversi elementi che portano diversi benefici alle persone.

Gli spazi urbani necessitano tempo e quindi è necessario che queste aree siano costruite in modo da fare fermare a lungo il passante così che lui possa contemplarne l’eleganza e possa beneficiare di tutti gli effetti positivi.

Infine, bisognerebbe capire come le persone interagiscono con l’ambiente circostante. Si fermano solo ad osservare? Stanno facendo jogging?

Voi che ne pensate? Abbiamo tempo di contemplare i maestosi parchi della città?

Fermiamoci un po’ più spesso a goderci i parchi, solo così il verde migliora.

 

Perché progettare un giardino

Se desideri un giardino impeccabile, dove tutti gli elementi sono in armonia tra loro e niente è fuori posto, allora hai bisogno di un progetto!

Il perché di una progettazione te lo spieghiamo subito nelle prossime righe!

 

Partiamo da una premessa: il giardino non è solo un luogo dove accostare in maniera casuale piante diverse e qualche arredo.

Devi, invece, porti delle domande precise in fase di realizzazione, e un progetto risponde proprio a queste domande.

victoria-garden-2212249_1280

Le 6 domande a cui dovresti rispondere per progettare un giardino perfetto:

 

1. Come voglio utilizzare il mio giardino? A cosa mi serve?

Questa è la domanda di fondo. Devi capire se vuoi un giardino per fare dei banchetti con gli amici, se quello spazio sarà anche luogo di svago per i tuoi bambini, oppure se destinato solo al relax. 

La disposizione degli elementi terrà conto di questi ed altri bisogni specifici.

 

2. Quali piante voglio coltivare?

Le piante in giardino devono sempre sposarsi con l’ambiente in cui sono inserite e con la naturalezza del paesaggio. Inoltre, devi scegliere le piante non solo in base al tuo gusto personale, ma anche tenendo conto delle condizioni climatiche.

 

3. Quali sono i punti di forza del mio giardino?

Ogni angolo del tuo spazio verde ha le sue caratteristiche: progetta il giardino evidenziandone i punti di forza e nascondendone i difetti.

Questo significa tener conto di tre concetti importanti: proporzione, unità e linee geometriche.

Primo, tutto ciò che inseriamo deve essere proporzionato al giardino; secondo, gli elementi devono essere armoniosi tra di loro; e terzo, bisogna sviluppare lo spazio sia in verticale che in orizzontale.

 

4. Come scelgo gli arredi?

Per il tuo giardino devi scegliere arredi di qualità in grado di: resistere alle condizioni atmosferiche e unire comodità e design. 

garden-831995_1280

 

5. Come mantengo sempre luminoso e in salute il mio giardino?

In fase di progettazione occorre valutare anche l’impianto di irrigazione in grado di garantire al tuo giardino l’apporto d’acqua necessario.

 

6. Come mi proteggo dagli insetti?

Nella fase di progettazione del tuo giardino dovresti tener conto anche di un sistema che tenga fastiosi insetti, soprattutto le zanzare, lontani da te in maniera da goderti appieno i tuoi momenti di relax.

A tale scopo noi forniamo un sistema totalmente automatizzato e domotico: il sistema Sainz.

 

Ecco che realizzare un giardino è molto più complicato di quanto sembri. Ma qualunque siano le vostre esigenze, Matozzo Giardini è pronta ad esaudirle!

Chiamaci e progettiamo insieme il giardino dei tuoi sogni! 

 

 

 

7 consigli per la progettazione del tuo giardino

La progettazione dei giardini non è una cosa semplice, bisogna tenere in considerazione molte variabili.

Il primo errore da non commettere è non sottovalutare la progettazione preliminare, limitandoti a pensare che gli spazi verdi siano solo un luogo dove accostare in maniera casuale piante diverse.

In realtà, per capire come realizzare un giardino, il primo passo è proprio quello di creare un progetto che tenga conto di una serie di elementi fondamentali.

Ecco le 7 regole importanti da seguire per iniziare a progettare un giardino.


1) Crea un giardino che rispetti la fisionomia del paesaggio

Facciamo un esempio: sarebbe armonioso progettare un giardino in campagna inserendo piante non locali?

Le piante in giardino devono sempre essere legate all’ambiente in cui sono inserite, all’omogeneità delle sue forme, alla naturalezza del paesaggio.

 

2) Organizza un giardino in base ai bisogni “funzionali”

Devi chiederti: “A cosa mi servirà?”, “Come lo voglio utilizzare?”.

Un giardino non nasce per caso: la naturalezza e la disposizione dei suoi elementi sono dettati da specifici bisogni, magari inizialmente inespressi, che un buon progetto può aiutarti a portare alla luce.

In fase di progettazione devi tenere sempre presenti le aperture di porte e finestre, sia per predisporre i percorsi funzionali, sia per godere appieno del giardino quando si è in casa.

 

3) Progetta il giardino in funzione degli spazi

Ogni angolo dei tuoi spazi verdi ha le sue caratteristiche: progetta il giardino evidenziandone i punti di forza e nascondendone i difetti.

Questo significa tener presente tre concetti importanti: proporzione, unità e linee geometriche.

  • la proporzione fa riferimento innanzitutto alle dimensioni dell’area verde: tutto quello che andiamo ad inserire deve essere proporzionato. Mai inserire piante troppo piccole o troppo grandi;
  • unità significa evitare di creare contrasti stridenti tra le tipologie di coltivazioni utilizzate;
  • le linee geometriche solitamente sono date da bordure e sentieri che hanno la funzione di condurre lo sguardo da una parte all’altra dello spazio. A questa funzione contribuiscono anche gli elementi naturali: alberi che si sviluppano in orizzontale regalano un senso di tranquillità; quelle verticali invece danno un senso di ordine e dinamicità.

 

4) Abbellisci un giardino con le giuste piante e fiori 

La scelta di piante e fiori da giardino varia molto a seconda dei gusti e dell’ambiente.

A livello tecnico la cosa da considerare è l’esposizione alla luce del sole: dai la preferenza a piante che si adattano bene al clima e alle condizioni dell’area.

 

5) Come sistemare il giardino con i mobili per esterno

Per l’arredamento del giardino bisogna tener conto di alcuni elementi importanti.

  • scegliere arredi di qualità, che siano in grado di:
    – resistere agli agenti atmosferici
    – unire comodità ed estetica
    – richiedere pochissima manutenzione
  • altro elemento da considerare sono i colori: se in giardino si utilizzano colori vivaci è meglio scegliere un arredamento in tonalità neutra. Eviterai in questo modo che i mobili per esterno nel tempo possano stancare.

 

6) L’impianto di irrigazione nella progettazione giardini

È un aspetto spesso sottovaluto, ma molto importante soprattutto in caso di giardini medio-grandi.

Esistono diverse tipologie di impianti (rotanti, oscillanti, a battente): la scelta va valutata sopratutto in base alla struttura e all’organizzazione del giardino

 

7) L’innovativo impianto di nebulizzazione anti zanzare completamente automatizzato.

Se stai progettando il tuo giardino per goderne in tranquillità durante la bella stagione, è bene prevedere un sistema che tenga le zanzare lontane.

Chiama per un sopralluogo gratuito

Chiama +41792214289